eventi

  • No categories
| 23 December 2019

XII Congresso Italiano di Teriologia

⛔️CONGRESSO RINVIATO ALL’AUTUNNO!⛔️

Il CD ATIt si è riunito per valutare le ripercussioni sulle attività della nostra Associazione della situazione di emergenza creata dalla diffusione del COVID-19.
Come sapete il potenziale di diffusione e impatto del nuovo coronavirus impone l'assunzione di responsabilità da parte di tutti e l'Associazione Teriologica Italiana ritiene importante dare il suo contributo alle strategie messe in atto per limitare il contagio e la diffusione del virus.
Per questo motivo abbiamo ritenuto inevitabile rinviare il XII Congresso al prossimo autunno, in una data che dovremo riconcordare con l'Ente Parco e il Comune di Cogne, anche in base agli sviluppi della situazione internazionale e nazionale.

Cogne
Centro Congressi "Maison de la Grivola" Piazza E. Chanoux
3-5 Giugno 2020

Il Comitato Organizzatore e l’Associazione Teriologica Italiana sono lieti di invitarvi a partecipare al XII Congresso Italiano di Teriologia che si terrà dal 3 al 5 Giugno 2020 a Cogne (Aosta), nel cuore del Parco Nazionale Gran Paradiso. Il Congresso è organizzato in collaborazione con il Parco Nazionale Gran Paradiso e il Comune di Cogne.
Si tratta, come è ormai tradizione, di uno degli appuntamenti più vivaci e stimolanti per lo scambio di esperienze e conoscenze sulla biologia, ecologia, e conservazione dei mammiferi in Italia tra ricercatori, esperti del settore, pubblici amministratori e pubblico appassionato. In questa edizione sarà la bellissima cornice del Parco Nazionale Gran Paradiso a fare da sfondo all’evento periodico più importante per la nostra Associazione, cui speriamo possiate partecipare numerosi.
Come nella passata edizione, anche il XII Congresso si aprirà con una plenary lecture. Su sollecitazione di molti soci quest’anno abbiamo ripreso la consuetudine dell’articolazione del congresso in tre sessioni orali su temi generali, oltre a una tavola rotonda e una sessione poster. La novità di quest’anno saranno tre sessioni di un’ora dedicate ad argomenti di interesse dei gruppi specialistici di ATIt. Per ogni sessione del congresso è previsto un relatore a invito tra le eccellenze italiane.

COMITATO ORGANIZZATORE

Paola Bartolommei, Daniele Baisero, Bruno Bassano, Sandro Bertolino, Andrea Bonacchi, Francesca Brivio, Francesca Cagnacci, Giuseppina De Castro, Mirko Di Febbraro, Paola Fazzi, Caterina Ferrari, Stefano Grignolio, Anna Loy, Emiliano Mori, Chiara Paniccia, Damiano Preatoni, Massimo Scandura, Laura Scillitani, Luc Armand Wauters

COMITATO SCIENTIFICO

Giovanni Amori, Leonardo Ancillotto, Paola Bartolommei, Bruno Bassano, Sandro Bertolino, Francesca Cagnacci, Stefania Gasperini, Stefano Grignolio, Anna Loy, Antonio Mingozzi, Emiliano Mori, Damiano Preatoni, Massimo Scandura, Laura Scillitani, Luc Armand Wauters

in collaborazione con

Articolazione del congresso

RELAZIONE INTRODUTTIVA

Eloy Revilla

Department of Conservation Biology, Estación Biológica de Doñana, Spain

Title to be defined

SESSIONI ORALI

 

1 – GENETICA DI POPOLAZIONE E SISTEMATICA

Coordinatori: Massimo Scandura e Emiliano Mori
Relatore a invito: Giorgio Bertorelle

Una corretta delimitazione dei taxa o l’identificazione di Unità Evolutivamente Significative (ESU), integrate dalla conoscenza della loro storia evolutiva e della loro biogeografia, nonché dalla descrizione dei loro principali adattamenti, rappresentano un presupposto fondamentale nello studio della diversità biologica, ed hanno importanti ricadute sulla gestione e conservazione delle popolazioni naturali. Al tempo stesso, studi genetici e genomici costituiscono oggi un valido strumento per apprezzare lo status delle popolazioni. Tali studi infatti consentono di valutare i possibili effetti di un collo di bottiglia, dell’isolamento o dell’ibridazione, e mettere in luce l’esistenza di barriere al flusso genico (infrastrutture create dall’uomo o elementi naturali del paesaggio), tutti fattori in grado di compromettere il pool genico delle popolazioni. La sessione si propone di presentare nuove tecniche di indagine e nuovi dati di tipo filogenetico e tassonomico, così come nuove risultanze genetiche/genomiche sullo stato delle popolazioni di mammiferi.

 

2 – ECOLOGIA E COMPORTAMENTO

Coordinatori: Paola Bartolommei e Lucas A. Wauters
Relatore a invito: Marco Apollonio

Le specie animali si muovono nello spazio, interagiscono con le componenti biotiche e abiotiche del loro ambiente e sono coinvolte in complesse dinamiche e interazioni intra- e inter-specifiche. Modificando l’ambiente naturale l’uomo altera i meccanismi che regolano l’esistenza delle varie specie, spingendole a trovare nuove strategie per adattarsi. Questi adattamenti possono riguardare singoli individui o intere popolazioni con importanti implicazioni non solo a livello individuale o di popolazione ma anche a livello di specie e di comunità o di interi ecosistemi. Obiettivo della sessione è quello di aumentare la conoscenza sull’ecologia e sul comportamento delle varie specie, con particolare riferimento agli adattamenti degli organismi in risposta ai cambiamenti ambientali indotti dall’uomo, al loro comportamento spaziale, alle dinamiche demografiche, alle interazioni ospite-parassita, alle relazioni preda-predatore, e alla competizione intra- ed interspecifica.

 

3 – MONITORAGGIO, GESTIONE E CONSERVAZIONE  

Coordinatori: Laura Scillitani e Sandro Bertolino
Relatore a invito: Danilo Russo

La gestione e conservazione della fauna prevede spesso interventi diretti sulle popolazioni animali e sugli ambienti dove queste vivono. Ma qualsiasi pianificazione di interventi e, più in generale, l’implementazione di politiche di gestione e conservazione deve essere basata dati scientifici robusti che indichino quali interventi possono essere più efficaci ottimizzando le risorse disponibili. Obiettivo della sessione è quello di presentare nuove acquisizioni derivate da studi di monitoraggio delle popolazioni, esperienze di gestione, interventi di conservazione dei mammiferi della fauna italiana, privilegiando disegni sperimentali robusti e nuovi approcci metodologici.

 

4 – SESSIONE POSTER

A causa degli spazi limitati i poster saranno in mostra per una giornata nella sala conferenze e negli spazi attigui. La lista dei poster per ogni giornata sarà disponibile all’arrivo presso la segreteria del congresso e presso la sala poster. Le istruzioni per la redazione dei poster saranno fornite in seguito nella pagina web del convegno.

SESSIONI TEMATICHE DEI GRUPPI SPECIALISTICI

La novità di quest’anno saranno tre sessioni di un’ora dedicate ad argomenti di interesse dei gruppi specialistici dell’ATIt

 

Piccoli Mammiferi

Chair: Stefania Gasperini

‘Comportamenti e adattamenti dei piccoli mammiferi negli ecosistemi montani’

 

Grandi Mammiferi

Chair: Stefano Grignolio

‘Il contributo scientifico delle aree protette alla conservazione e gestione dei grandi mammiferi’

 

Chirotteri

Chair: Leonardo Ancillotto

Chirotteri in ambienti urbanizzati: ecologia, conservazione e conflitto’

TAVOLA ROTONDA

 

IL RUOLO DELLA SORVEGLIANZA NELLA CONSERVAZIONE DEI MAMMIFERI

Moderatori: Bruno Bassano, Stefano Grignolio

 

Il ruolo indispensabile delle aree protette nella conservazione dei mammiferi in Italia è testimoniato dal numero di specie iconiche salvate grazie all’istituzione dei parchi nazionali, prime tra tutte lo stambecco, il camoscio appenninico, il lupo e l’orso marsicano. Questo ruolo e il successo nel recupero di specie a rischio è stato in gran parte reso possibile dall’attento e capillare controllo del territorio dei parchi da parte di personale tecnico addetto alla sorveglianza. Lo stesso è accaduto in ampi distretti regionali, non sottoposti a vincoli di protezione, in cui il personale di vigilanza provinciale ha messo in atto efficaci azioni di controllo della fauna e di conservazione attiva. Il ruolo ed i compiti di queste figure è oggi messo in discussione in molte province, regioni ed anche all’interno di alcune aree protette, con gravi ripercussioni sulla possibilità di preservare molta parte del patrimonio faunistico italiano. La tavola rotonda intende rimettere al centro dell’attenzione il ruolo fondamentale delle attività di controllo e sorveglianza nella conservazione della fauna in Italia, così come vuole sottolineare l’importanza di una indispensabile interazione tra il personale di vigilanza e il personale tecnico-scientifico. L’interazione con il pubblico in sala sarà sollecitata dall’utilizzazione di applicazioni di discussione attraverso smartphone come slid.com, meetup, ecc.

COME PARTECIPARE

Vi invitiamo a iscrivervi e ad inviare i vostri contributi entro il 15 MARZO 2020 in modo da consentirci di offrire ai congressisti il miglior servizio possibile.
Il rispetto di questo termine garantisce una riduzione della quota di iscrizione. Nella scheda di iscrizione dovrà essere specificata l’intenzione di sottoporre il contributo in forma orale o di poster, fermo restando che il Comitato Scientifico si riserva di selezionare i contributi orali sulla base del numero di richieste, dell’originalità del contributo e della sua pertinenza alle tematiche delle sessioni. In caso di non inserimento nelle sessioni orali i contributi saranno comunque ammessi nella sessione poster. Ricordiamo che non sarà possibile rimborsare le quote di iscrizione in caso di spostamento del contributo da sessione orale a poster, o viceversa. L’accettazione dei contributi sarà comunicata entro il 30 Aprile 2020.

ISCRIZIONI

E’ possibile iscriversi e inviare il proprio contributo nel modulo in fondo alla seguente pagina. Vi raccomandiamo di riempire tutti i campi del modulo e di caricare l’abstract e la ricevuta del bonifico, attenendosi alle istruzioni riportate nel sito. Le iscrizioni online saranno attive a partire dal 7 Gennaio 2020.
Dato lo spazio limitato nella sezione poster ogni iscritto ha diritto a portare al massimo due contributi (un contributo orale e un poster o due poster).
N. B. Non saranno accettate iscrizioni o abstract senza ricevuta del pagamento, fatti salvi i contributi a invito o i contributi da parte dei volontari che usufruiranno dell’iscrizione gratuita al congresso.

Il versamento delle quote di iscrizione potrà essere effettuato sul c/c bancario n. 001034838399, intestato a: Associazione Teriologica Italiana, presso Bancoposta – Poste Italiane, indicando nella causale il vostro NOME e COGNOME, seguito da “Iscrizione XII Congresso ATIt”.
Codice IBAN: IT39P0760103200001034838399 – BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX
Coloro che vorranno iscriversi in sede potranno farlo versando IN CONTANTI la quota maggiorata e compilando la scheda di iscrizione che sarà disponibile in forma cartacea nella sede del congresso.

QUOTE DI ISCRIZIONE

Come nei precedenti Congressi abbiamo cercato di favorire la partecipazione dei Soci ATIt e di coloro che non usufruiscono di rimborsi o non hanno contratti stabili di lavoro.
N.B. Per usufruire delle riduzioni è necessario allegare alla ricevuta del bonifico un’autodichiarazione di appartenere a una delle categorie che usufruiscono della riduzione, esplicitando la categoria.

La quota di iscrizione comprende:
- partecipazione ai lavori del Congresso
- volume degli abstract
- coffee break
- aperitivo di benvenuto abbinato all’evento SOCIALIZZ-ATIt
La quota non comprende spese di vitto, alloggio e trasporti.

SEDE DEL CONGRESSO

Associazione Teriologica Italiana Onlus
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie "Charles Darwin"
Università di Roma "La Sapienza" - Viale dell'Università, 32
I-00185 Roma (RM)